Come si chiama quando un film rompe l'illusione della fantasia?

51

Come si chiama quando un film rompe l'illusione della fantasia? Ad esempio, un personaggio parla alla telecamera o altrimenti spezza il personaggio nel film viola l'illusione della finzione.

    
posta Tyler Durden 06.03.2016 - 00:18

5 risposte

115

E 'noto come Breaking the quarta parete.

  

Rompere il quarto muro è quando un personaggio riconosce la sua finzione, indirettamente o indirettamente parlando al pubblico. In alternativa, possono interagire con il loro creatore (l'autore del libro, il regista del film, l'artista del fumetto, ecc).

Wikipedia elabora Circa la quarta parete:

  

La quarta parete è l'immaginario "muro" nella parte anteriore del palco in un tradizionale contenitore di tre pareti ambientato in un teatro di proscenio, attraverso il quale il pubblico vede l'azione nel mondo del gioco. Il concetto è solitamente attribuito al filosofo, critico e drammaturgo Denis Diderot. Il termine stesso era usato da Molière. L'illusione della quarta parete è spesso associata al teatro naturalista della metà del XIX secolo, e in particolare alle innovazioni del regista francese André Antoine.

     

Le restrizioni della quarta parete furono messe in discussione nel teatro del XX secolo. Parlando direttamente, o fare qualcosa di mind-bending, altrimenti il pubblico a questo muro immaginario - o, nel cinema, televisione e video giochi, attraverso una telecamera - è conosciuto come "rompere la quarta parete".

    
risposta data 06.03.2016 - 00:22
61

Oltre a grande risposta di Walt, vorrei aggiungere ...

Perdere la "sospensione dell'incredulità"

Quando accade qualcosa che "rompe l'illusione di fantasia" per il pubblico, si dice il pubblico è non poteva più disposto / in grado di sospendere la loro incredulità.

Definizione:

  

Suspension of Disbelief o volontaria sospensione di incredulità è un termine coniato nel 1817 dal poeta e filosofo estetica Samuel Taylor Coleridge, l'OMS ha suggerito che se uno scrittore potrebbe infondere un "interesse umano e una parvenza di verità" in un racconto fantastico, il lettore sospenderebbe il giudizio sull'implausibilità della narrativa. La sospensione dell'incredulità si applica spesso a opere di finzione, commedia, fantasy e generi horror. L'estraniazione cognitiva nella finzione implica l'uso dell'ignoranza o della mancanza di conoscenza di una persona per promuovere la sospensione dell'incredulità.

     

- fonte

Diverse cose possono far sì che il pubblico non sospenda più la sua incredulità, tra cui:

  • Meta-scherzi
  • Barzellette autoreferenziali
  • Barzellette sulle battute ("meta-umorismo")
  •   

    Meta-riferimento , una tecnica metafiction, è una situazione in un'opera caratteri di visualizzazione di narrativa in cui la consapevolezza che essi sono in un lavoro simile, come una pellicola, programma televisivo o un libro, e forse che essi vengono osservati da un pubblico. A volte può anche essere una forma di montaggio o di produzione cinematografica di commenti sul programma / film / libro stesso.

  • Rompere la quarta parete

C'è sicuramente qualche sovrapposizione tra alcuni di questi punti. Va anche notato che, rompendo la quarta parete e gli altri punti sopra elencati sono prevalentemente intenzionale, rompendo la sospensione dell'incredulità può essere involontaria pure spesso. Se i registi riescono a infondere abbastanza La loro parvenza di verità nella storia fantastica, il pubblico è in grado di sospendere il loro giudizio Per quanto riguarda la mancanza di plausibilità della narrazione. Ad esempio, alcuni spettatori non riusciva a sospendere l'incredulità nel vedere Indiana Jones a sopravvivere nascondendosi all'interno gigantesca bomba da piombate frigorifero, o Clark Kent come Superman mantenere segreta la sua identità senza l'utilizzo di una maschera

    
risposta data 06.03.2016 - 05:41
9

Verfremdungseffekt . Questo è spesso tradotto come "effetto di alienazione", "effetto di allontanamento" e sempre più come "effetto di estraniazione", a volte ridotto a semplice alienazione , distanziamento ecc. e talvolta si espandeva di nuovo a "alienazione brechtiana" o "estraniamento brechtiano" perché Brecht attribuiva tale importanza ad esso, e in effetti coniò il termine verfremdungseffekt .

A causa dell'influenza brechtiano, a volte il termine tedesco Verfremdungseffekt è utilizzato non tradotto in Inglés.

In ogni caso si tratta di interferire deliberatamente con la classica sospensione coleridiana dell'incredulità. Più comuni sono le varie tecniche che "rompono la quarta parete", vale a dire che rifiutano di fingere che ci sia un muro visto dai personaggi piuttosto che dal pubblico (usato dall'estensione per i media diversi dal teatro, come il direct-to-camera monologhi, personaggi che affrontano il fatto reader che dovrà girare le pagine per vedere che cosa succede dopo, etc.) anche se sarebbe coprire qualsiasi altra deliberata anche la rottura delle costanti che la sospensione degli aiuti di incredulità e di identificazione con i personaggi come qualcosa di diverso immaginario , come cambiare la modalità di un lavoro; stile realista per diventare un film musicale tratto, il passaggio tra live-action e animazione, discutendo la commerciabilità di un complotto come progredisce, permettendo la strada fuori la parte posteriore di un teatro da vedere (il secondo muro!) e commentando passanti da, affrontando lo stile di scrittura utilizzato in una narrazione, e così via. Il piano dovrebbe riguardare anche meta-riferimenti che sarebbe così evidente al pubblico come a sottolineare la natura di finzione, pur rimanendo "inosservato" dai "personaggi" (1101 inizia a trattare in Verfremdungseffekt la nozione di ciò personaggi notare, o che i caratteri può anche notare qualcosa diventa instabile, e spaventare apici mangiare naturalmente alle dita Quando si scrive su di esso).

    
risposta data 08.03.2016 - 05:27
8

Anche se questo è comunemente indicato come la maggior parte "rompere la quarta parete" Riferendosi alla barriera invisibile tra il pubblico e quello che stanno guardando, ho visto esta indicato anche come "strizzando l'occhio allo spettatore". < br> Questo deriva dal fatto che la "rottura della quarta parete" spesso avviene tramite uno dei personaggi che strizza l'occhio alla telecamera. Perché questo è così comune, è diventato un nome per la pratica generale. Ad esempio:

  

È tutto un grande ammiccare al pubblico ... e poi Schwarzenegger in realtà strizza l'occhio al pubblico.

  

Mike Myers è uno dei grandi demolitori della quarta parete della sua generazione, e io ho i peperoni un progetto dopo l'altro, con annodi assortiti e strizzatine d'occhio al pubblico.

Entrambi Queste citazioni sono da "25 Moments Film classici rotto quando la quarta parete" .

    
risposta data 08.03.2016 - 12:24
3

Sul palco questo è chiamato "a parte". Letteralmente, il personaggio si gira e parla direttamente al pubblico. Amleto per esempio è pieno di loro - basta cercare la parola "a parte".

Lo scopo di parte è solitamente quello di chiarire cosa sta accadendo o dire al pubblico che cosa sta pensando un personaggio; o semplicemente per creare tensione. Il pubblico di Shakespeare fu incoraggiato a rallegrare e urlare per creare tensione o ammaliare la malizia o ridicolizzare i personaggi attraverso l'uso degli altri. Perché a parte il beneficio del pubblico, gli altri personaggi nella scena di solito sembrano non accorgersene o ascoltarli, anche se in termini letterali dovrebbero.

Questa produzione di Amleto uso da parte bene, a partire alle 2:05 Chi . Polonio parla al pubblico direttamente, chiaramente e in presenza di Amleto, e anche al pubblico ciò che svela hanno in programma di fare con Amleto, ma Amleto non sente quello che viene detto da parte.

Nel cinema, guardando direttamente la telecamera, parlando alla telecamera, sbattendo contro la telecamera, ecc. è anche una parte, dato che la telecamera è è il pubblico, e se altri personaggi sono presenti nella scena, tendono a non accorgersene. di pazza giornata di vacanza (1986) href="https://www.youtube.com/watch?v=0KFVLWX7eEY"> a parte, a volte come sostituto per la narrazione; anche il cattivo viene messo da parte alla fine.

A parte questo è distinto dal monologo, perché in un monologo il personaggio parla letteralmente a se stesso, agli animali oa Dio, e non è consapevole dell'ascolto del pubblico.

Io sostengo che a parte questo non è una completa "rottura del quarto muro" come descritto in altre risposte. L'uso di parte generalmente non altera il corso della storia, è puramente per aumentare il grado di coinvolgimento del pubblico. Il mio preferito oltraggiosa violazione della quarta parete, che include una breve parte per la fotocamera, è questa scena in Balle spaziali (1987 dove i malvagi cercano attraverso la videocassetta di Spaceballs: The Movie per scoprire dove sono andati gli eroi. Questo chiaramente viola la finzione, perché non sono gli unici personaggi della fiction, la sfruttano per continuare la storia!

    
risposta data 28.06.2016 - 21:03

Leggi altre domande sui tag